Del Barletta.

18 10 2010

Oggi avrei voluto scrivere di sport. In particolare del Barletta. Ma considerato quello che è successo ieri, è meglio soprassedere. Che è meglio.

pdf_logo.jpgRassegna Stampa 18 ottobre 2010



Finalmente è Giunta.

5 08 2010

Dopo quindici anni, la Serie C1.



Grazie.

14 05 2010

Anche al Post (il nuovo quotidiano on line di cui non si dovrebbe fare a meno) stanno con noi. Adducendo ragioni serie e valide. Per quanto ci riguarda: grazie, comunque vada. Anche solo per farci “piangere e abbracciarci ancora”. Buon week end.

pdf_logo.jpgRassegna stampa 14 maggio 2010;



Scccc, stasera solo lei.

5 05 2010

L’occasione giustifica, sin d’ora, la distrazione. Abbiamo già portato il cervello dalle parti di Blaise Pascal.

pdf_logo.jpgRassegna stampa 5 maggio 2010



Barletta ai play-off.

3 05 2010

Si narra che i risultati sportivi - negativi o positivi che siano - non sono mai slegati dalla condizione generale di un Paese, dal suo stato di forma economico, sociale, culturale. E proprio per questo, leggendo i nomi dei convocati in Nazionale per lo stage alla Borghesiana e presumendo (con tutti gli scongiuri) il risultato della stessa Nazionale di calcio ai campionati del Mondo 2010, potremmo ben dire che la condizione generale del nostro Paese, in questo momento, non è delle più floride. Ma non sempre è così. Le vittorie arrivano anche quando nessuno se le aspetta. E’ il caso della conquista dei play-off da parte del Barletta calcio, una squadra nata per salvarsi e arrivata inaspettatamente fino in fondo. Ora bisogna completare l’opera, considerato che comunque vada, sarà (stato) un successo.

imgp6630.jpg

(dal sito www.barlettacalcio.it)

pdf_logo.jpgRassegna stampa 3 maggio 2010;



Anche gli ultras hanno un cuore.

19 12 2008

Ricevo e pubblico con piacere:

“Oltre due miliardi e mezzo di battiti. Tutto ha inizio prima della nascita, poi va avanti instancabilmente, ripetutamente tutta la vita. Non perde un colpo. Ogni uomo ha un cuore, una pompa idraulica che produce pressione necessaria al sangue garantendogli un cammino tranquillo tra tubi arteriosi e tubi venosi, centrali e periferici a velocità costante, fin quando interviene un emozione forte ad alterarne il suo corso accelerando le prestazioni interne dell’organismo.
Tale fenomeno si ripercuote anche all’esterno. Occhi spalancati, mancanza di parole, incessanti riflessioni.
Tale sensazione è la stessa che ha invaso noi A669 quando i ragazzi del GRUPPO EROTICO 87 ci hanno invitato a partecipare attivamente all’iniziativa da loro stessi promossa e intitolata “ANCHE GLI ULTRAS HANNO UN CUORE?.
L’evento avrà luogo il 23 dicembre 2008 presso l’istituto ospedaliero di Barletta Mons. Dimiccoli, nel reparto di pediatria e avrà come obiettivo stabilito quello di rendere meno dolorosa e più piacevole possibile la permanenza nella struttura in una data marcata a caratteri cubitali sui calendari e nei nostri cuori.
Cogliendo l’occasione delle festività natalizie la NORD si travestirà per un intero pomeriggio da Babbo Natale e donerà giocattoli ai fanciulli che aspettano con ansia questo giorno da un intero anno ma che per loro sfortuna lo trascorreranno nel luogo meno appropriato per i festeggiamenti.

Non importa se tra le loro mani capiterà Batman o Robin, Cicciobello o Barbie, l’iniziativa benefica ha lo scopo di illuminare il buio del cammino di questi giorni di festa sia per i bambini ma anche per i genitori che insieme sperano in un termine breve per la fine del calvario che stanno attraversando.
Anche noi a ridosso del Natale ci siamo soffermati a riflettere sulle ingiustizie della vita, e abbiamo deciso di scendere in campo, nonostante tutto e tutti, contro tutti e tutti schierandoci dalla parte delle creature più indifese del genere umano che in questo momento hanno bisogno di sostegno morale e fisico per combattere una vera guerra: la malattia del corpo.
Questo a dispetto di chi vede nell’ultras un mostro. A che lo etichetta il male del calcio. A chi invita le famiglie a far rimanere i bambini a casa la domenica evitando di andare a vedere la partita della squadra del cuore perchè in curva ci sono gli ultras.
A chi coglie solo “l’attimo fuggente? per sputare sentenze pesanti e gratuite in capo a chi esprime un ideale, con leggi repressive. Il tutto ovviamente in totale stato di autofinanziamento, il che ci rende carichi di orgoglio come sempre. In un momento cosi delicato come quello che stiamo attraversando la nostra speranza, che coincide con l’utopia di molti, è far arrivare il nostro urlo, il nostro ideale, la nostra mentalità alle menti,occhi,timpani di chi ci reputa sfruttatori della partita per fare violenza.
La nostra vivace modalità di rapportarci con le esigenze della vita è anche questa, a vostro malgrado… ULTRAS STILE DI VITA!”



Del we sportivo.

9 12 2008

Mi dispiace dirlo, ma del Barletta sto diventando anch’io un tifoso da risultato. Dallo stadio comincio a mancare con una certa frequenza (“….Molti da quando sei giù non ti seguono più….”). Ma è solo un momento, passerà. Proprio come i risultati negativi dei biancorossi.

Tra l’altro, fatta eccezione per il risultato positivo della Roma, dal punto di vista sportivo il week end non ha offerto consolazioni. Tantomeno - chiamato dal dovere - quella di aver assistito (col mio vecchio) al match tra un buon Lecce e la solita fortunata juvetta.

lecce-006.jpg

lecce-013.jpg



I nostri colori.

17 11 2008

Quest’anno con lo sport siamo condannati a godere poco. Non ne scriviamo più con la frequenza di una volta (il lunedì era tutto dedicato ai trionfi calcistici) solo perchè siamo presuntuosi e abbiamo un ottimo rapporto con le sconfitte: quando arrivano le snobbiamo. Il Barletta arranca a metà classifica, senza gioco e prospettive. La Roma è ad un passo dalla zona retrocessione. Ma ieri sera ha vinto. E si sa, a noi fanatici Romanisti basta vincere un derby per rimettere il morale apposto. E’ il nostro piccolo campionato.



Distrazioni sportive.

20 10 2008

Ieri sera ero all’Olimpico, con un interista (con sciarpa della Roma al collo) accanto e cinquantamila Romanisti delusi. Non è stata una bella esperienza. Sarebbe stato meglio andare ad Isola Liri. Tra le magre consolazioni, un buona dose di adrenalina (sviscerata attraverso oculate bestemmie) lasciata sugli spalti e l’ammirazione per una Curva Sud impareggiabile, che sullo 0 a 4 ha sfoderato il meglio del suo attaccamento alla maglia.

Per cui, rimuoviamo. E’ meglio non ricordare. Fermiamo l’immagine al pre-partita.dsc_0025.JPG



Barletta e Andria.

22 09 2008

Della giornata di ieri? Due squadre che s’affrontano a viso a perto e pareggiano, due tifoserie che offrono spettacolo e vincono, lo sport che trae il massimo risultato. Complimenti.

dscf2895.jpgdscf2896.jpg

(Foto: Barlettacalcio.it)