Mimmo Ricatti, Campione Italiano.

28 06 2011

Il nostro concittadino Mimmo Ricatti è Campione Italiano dei 10.000 metri. Lo è diventato agli assoluti di Torino con il tempo di 29′ 51′’ 84 (lo stesso che ci metterei io a fare 2 km, per intenderci!). Di questa nuova promessa avevamo parlato proprio su queste blog, già cinque anni fa’ (qui il post). A Mimmo vanno le nostre congratulazioni. Siamo fieri dei suoi risultati e del fatto che la nostra città, ancora una volta, abbia dato i natali a talenti come lui.

ric_casc.jpg

Tra Mimmo Ricatti e Nicola Cascella durante una manifestazione dell’Associazione “Gruppo Podistico Atleti della Valle dell’Ofanto”, della quale mi onoro di far parte. 



Barlettani. Vito Sguera.

12 05 2010

 

Aspettando la manifestazione delle 19.30, in piazza Monte di Pietà, attraverso la quale l’intera società barlettana rivendicherà in maniera forte ed unitaria le ragioni della sede legale della Bat nella nostra città, oggi gioiamo per la notizia di un premio che per la prima volta sarà riconosciuto ad un italiano. E per la precisione, ad un nostro concittadino: Vito Sguera.

“La medaglia Zeldovich, uno dei premi internazionali più ambiti per i ricercatori under 35 in astrofisica, sarà infatti assegnata al trentacinquenne Sguera dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) per il suo contributo alla scoperta di una nuova classe di sorgenti di raggi X, basata sui dati del satellite Integral dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa). Sguera, che lavora nell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica (Iasf) di Bologna, ha scoperto che i «supergiant fast X-ray transients», sistemi binari della Via Lattea che, a differenza dei loro parenti più noti non emettono raggi X in modo persistente, ma solo ogni tanto e per tempi brevissimi. Sono considerati i «centometristi della galassia» e si attivano e disattivano in modo così repentino da essere sfuggiti allo sguardo degli astronomi per anni”. 

La cerimonia di premiazione si terrà a Brema (Germania) il prossimo 19 luglio, durante l’assemblea internazionale del Comitato internazionale per la ricerca spaziale (Cospar). E per la prima volta da quando il premio è stato istituito, a ricevere l’ambita medaglia, per la sezione astrofisica, sarà un ricercatore italiano. Un Barlettano. Complimenti, Vito, Barletta è fiera di te.

pdf_logo.jpgRassegna stampa 12 maggio 2010;



Francesco Paolo Di Giorgio. Fieri di te.

28 02 2009

Di Francesco Paolo Di Giorgio e del suo talento nel campo della ricerca medica, avevamo già parlato qualche tempo fa nella rubrica “Barlettani”.

Oggi vi segnalo un articolo apparso sulla rivista “Le Scienze” di marzo, nel quale Francesco spiega i notevoli passi avanti fatti nella ricerca per lo studio e l’utilizzo delle cellule staminali embrionali per la cura della SLA (Sclerosi laterale amiotrofica).

Leggete l’intervista (Le science - marzo 2009 - pag 16/17) e siate fieri anche voi di questo figlio della nostra città che sta dedicando la sua vita alla ricerca della cura per questa feroce malattia.



Barlettani. Daniele Cascella.

30 10 2008

Sollecitati dal solito scopo di questa rubrica, quello di promuovere il talento Barlettano, stavolta parliamo dell’amico Daniele Cascella, che ieri mi ha ripetuto più volte di non amare la definizione di “Barlettano famoso”. Ovviamente non sono daccordo, perchè il suo percorso professionale da regista, sceneggiatore e produttore, parla da solo.

Qui trovate tutto quello che c’è da sapere su Daniele, che stasera presenta il suo primo lungometraggio anche a Barletta, presso il Cinema Opera, alle 21.30. Non mancate.

Recensioni Film “La canarina assassinata” di Daniele Cascella
 
http://www.cinema4stelle.it/Recensione-La-canarina-assassinata.htm
 
http://www.sentieriselvaggi.it/articolo.asp?sez0=2&sez1=215&art=29086
 
http://news.cinecitta.com/news.asp?id=26686
 
http://www.aol.it/cinema/story/La-canarina-assassinata/5707254/index.jhtml
 
http://filmup.leonardo.it/lacanarinaassassinata.htm
 
http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=55983
 
http://www.filmscoop.it/film_al_cinema/lacanarinaassassinata.asp
 
http://trovacinema.repubblica.it/film/scheda/La-canarina-assassinata/351026 



Tommy Di Bari.

23 05 2008

edtd.jpg

Parlare bene di Tommy, sarebbe stato un piacere anche se non fossimo stati amici da una trentina d’anni, ma visti l’affetto, la stima e l’ammirazione che provo per lui, di pubblicizzare il suo talento ne sono onorato. Sul chi è Tommy è scritto tutto qui. Anzi, non tutto, gli toccherà aggiornare la biografia. Perchè Tommy Dibari (da qualche giorno) è entrato a far parte della squadra degli autori di Gene Gnocchi per la trasmissione Artù, che andrà in onda in seconda serata su Rai Due, a partire dal prossimo settembre.

Mentre su questo blog - notizia non meno rilevante - è entrato a pieno titolo nella categoria dei “Barlettani famosi”.

Auguri di buon lavoro a Tommy che, nel frattempo, il prossimo luglio avrà il piacere di sposarsi con Lei. E noi di non perdere occasione per fare tanto casino.



Barlettani. Prof. Ruggiero Lattanzio.

8 11 2007

 

lattanzio_02.jpg

Si arricchisce sempre più la rubrica dedicata ai Barlettani che, durante la loro vita, hanno lasciato o continuano a lasciare il segno indelebile della loro presenza. Stavolta parleremo del prof. Ruggiero Lattanzio, fondatore dell’Avis (Associazione volontari italiani sangue) ed eccelso Chirurgo dalle rare qualità umane e professionali. Una breve biografia del prof. Lattanzio è ben descrtitta da Camillo De Luca, anch’egli già presidente dell’associazione e medaglia d’oro al merito dell’Avis. Significativa (dopo la mobilitazione di molti cittadini per l’intitolazione al Prof. Lattanzio del nuovo nosocomio Barlettano, poi alla fine intitolato a Mons. Raffaele Dimiccoli) è stata l’inaugurazione, di qualche giorno fa, di un busto all’interno dell’Ospedale dedicato al noto chirurgo e realizzato dallo scultore barlettano Nunzio Quarto.

Spero solo che le nuove generazioni nel campo medico, guardino a Ruggiero Lattanzio come un insostituibile esempio da seguire.



Barlettani. Nicola Cascella.

31 10 2007

Nicola Cascella è un’altra giovane promessa di cui sentiremo sicuramente parlare nell’immediato futuro. Qualche giorno fa ho avuto il piacere di conoscerlo e di premiarlo a nome del “Gruppo Podistico Atleti della Valle dell’Ofanto”. Il ventenne Barlettano, specialista nei 400 metri ad ostacoli, sta collezionando in giro per l’Italia (e non solo) una serie di risultati positivi che lo proietteranno, in maniera naturale, verso traguardi importanti. Un sincero in “bocca al lupo” a lui e a tutti i Barlettani che si stanno affermando nelle diverse discipline (tra i quali Mimmo Ricatti, del quale abbiamo già avuto modo di parlare in passato).

nicola-cascella.jpg
ed.JPG


Barlettani. Ruggiero Spadaro.

24 10 2007

 

rs.JPG

 

Continua il nostro viaggio alla ricerca dei concittadini famosi, tali non solo per quel che hanno già fatto ma per quel che, son certo, riusciranno a fare. A tal proposito, segnalo un’altro talento nel campo dell’arte, di cui in seguito sentiremo parlare. Si tratta di Ruggiero Spadaro, la cui biografia parla da sola. Segnalo solo l’ultimo evento che ha proiettato l’artista sul palcoscenico internazionale con la mostra che si è tenuta agli inizi di settembre presso la prestigiosa sede del Parlamento Europeo di Strasburgo, intitolata “chi ha diritto ai diritti dell’uomo?”.



Barlettani. Francesco Paolo Di Giorgio.

5 05 2007

Per l’incommisurata fierezza della nostra Barlettanità, ho il piacere di segnalare un’altra giovane promessa: Francesco Paolo Di Giorgio, 30 anni, impiegato nel laboratorio del prof. Kevin Eggan del MCB Department dell’Università di Harvard come ricercatore per lo studio e l’utilizzo delle cellule staminali embrionali per la cura della “SLA - sclerosi laterale amiotrofica”.

In bocca al lupo e buon lavoro.



Barlettani. Carlo Maria Giulini.

29 04 2007

 

ph2005061601565.jpg

 

In pochi sanno che il Maestro Carlo Maria Giulini (morto nel 2005 all’età di 91 anni) è nato dove sono nato io, a Barletta. Di questo, la mia città se ne fa vanto, anche se potremmo fare di più e meglio per valorizzare e apprezzare la grande opera dell’illustre concittadino. Senza dubbio uno dei principali interpreti della musica classica del novecento.