Lavori Stadio Puttilli: mi auguro sia l’ultimo rinivio.

2 09 2012

Alla vigilia dell’inizio del campionato di Prima Divisione Lega Pro, arriva la notizia dell’ennesimo rinvio da parte del Comune di Barletta delle procedure riguardo i lavori di adeguamento dello stadio Cosimo Puttilli”.
A seguito della pubblicazione della determina dirigenziale n.1246, infatti, l’ufficio ha proceduto ad un ulteriore slittamento della data di apertura delle offerte, fissata al 27.09.2012.
Comprendo le esigenze della stazione appaltante circa la necessità di annoverare nello staff tecnico anche la presenza di un professionista geologo ma, in questo caso, mi chiedo se fosse stato più opportuno per l’Ente curare direttamente la individuazione del geologo con un avviso pubblico specifico, senza compromettere la tempistica della gara d’appalto in corso. Anche perché è lo stesso Ente ad avere  interesse acché il geologo verifichi la correttezza dell’esecuzione dei lavori da affidare all’impresa ai fini delle ulteriori perizie geologiche, se reputate necessarie.
Inoltre non si spiega il perché rinviare la gara, proprio ora, per inserire questa figura nello staff tecnico, visto che con determinazione dirigenziale n° 512 del 28/3/2012, è stato approvato un progetto preliminare prodotto dal CONI, riguardo i lavori di adeguamento dello stadio Cosimo Puttilli, che dovrebbe contenere già tutti gli allegati tecnici prescritti dal codice degli appalti, ivi comprese le relazioni di tipo geologico (vedi art. 17 DPR 207/2010).
Pertanto, risulta incomprensibile l’ennesimo rinvio per “integrazione” alla lex specialis costituita dal bando di gara; integrazione che non appare indispensabile per l’affidamento, nè presenta profili di effettivo vantaggio per l’Ente, anzi, affiderebbe il controllo geologico all’impresa che si aggiudicherà i lavori, sottraendo di fatto al Comune il suo potere di controllo.
Il Consiglio Comunale, con non pochi sacrifici, ha trovato e destinato somme sostanziose per offrire ai tifosi e alla città un impianto all’altezza della gloriosa storia della nostra squadra di calcio. Parallelamente, l’attuale società negli ultimi anni ha fatto investimenti importanti ed ha permesso alla nostra città di vivere le emozioni del calcio praticato in un campionato professionistico.
L’entusiasmo che ruota attorno ai colori della squadra del Barletta e la determinazione di offrire ai cittadini un impianto sportivo a norma e in grado di soddisfare le esigenze del sodalizio, dei tifosi e dell’intera città, non venga intralciato da tecnicismi amministrativi che rallentano e potrebbero compromettere la realizzazione dei lavori di adeguamento.
Mi auguro che questa volta si tratti dell’ultimo rinvio. Lo sport è un valore per tutti e le strutture che ne permettono l’esercizio sono un bene comune: la cittadinanza merita uno stadio a norma.



Biblioteca Comunale: l’Amministrazione si impegni a garantire tutti i servizi.

29 08 2012

Sopralluogo del Presidente del Consiglio Comunale

A seguito delle numerose segnalazioni da parte degli utenti della biblioteca S. Loffredo di Barletta il Presidente del Consiglio Comunale Enzo Delvecchio ha effettuato un sopralluogo per verificare lo stato dell’arte del servizio.

“Mi sono recato personalmente presso la biblioteca dichiara Delvecchio - perché ritengo che un servizio che attiene la cultura e la formazione debba essere non solo sempre garantito, ma debba per lo meno rispettare degli standard di qualità minimi al fine di poter essere fruito. In primo luogo voglio ringraziare il personale della biblioteca per la professionalità e la disponibilità mostrata, che mi ha permesso di verificare personalmente la situazione.”

Il Presidente, accompagnato dalla dott.ssa Vanda Rucci, ha visitato tutte gli spazi della struttura chiedendo quali fossero i disagi e quali le soluzioni possibili.

“La buona notizia è che le tanto agognate lampade che si attendevano da oltre un anno, arriveranno a settembre e saranno collocate in tutte le postazioni, andando a sostituire anche le vecchie lampade ormai obsolete”.

Un’altra problematica che andrà a risolversi nello stesso periodo è quella relativa alle aperture pomeridiane, non priva di inconvenienti legati alla mancanza di personale.

“Mi rammarico nel constatare, così come anche messo in evidenza dai dipendenti, che il personale presente oggi all’interno della biblioteca riesce a fatica a gestire tutto il lavoro relativo ai prestiti, alla catalogazione e alle sale studio. Inoltre, con il tempo, le risorse sia umane che finanziare sono andate via via  diminuendo; meno ragazzi provenienti dal servizio civile e dagli stage (smistati in altri uffici comunali) e meno soldi per acquistare libri che costituiscono il patrimonio fondante di una biblioteca, la sua linfa vitale.

Neanche il bando che assegna la gestione di attività aggiuntive ad una cooperativa esterna - che integrerà il personale con un elemento in più - sarà sufficiente a garantire il corretto funzionamento della struttura. Per questo motivo – conclude  Enzo Delvecchio -  mi auguro che l’Amministrazione si mostri sensibile al problema e che provveda nel prossimo bilancio (e in quelli a venire) a coprire le spese necessarie affinché la biblioteca S. Loffredo possa per lo meno garantire un servizio sufficiente sia per gli studenti che per i cittadini, compresi i bambini.

Mi ha gratificato molto vedere com’è organizzata la biblioteca dei ragazzi e le tante iniziative che fino ad oggi sono state intraprese per far avvicinare i più piccoli alla lettura. Diffondere il sapere, renderlo accessibile a tutti, anche con strumenti ludici e mirati, è il minimo che un’Amministrazione possa fare per la propria cittadinanza. Basta davvero poco per far funzionare un servizio essenziale come questo, spero si faccia al più presto.”



Bilancio di Previsione: si faccia presto, ma si ascoltino le parti sociali.

3 08 2012

COMUNICATO STAMPA

All’indomani della nota della Cgil, il Presidente del Consiglio Comunale, Enzo Delvecchio, torna sull’argomento. L’Amministrazione Comunale dia seguito agli impegni assunti (anche in sede di Consiglio Comunale) circa la predisposizione di un “pacchetto di misure anticrisi” che consenta di contrastare il grave stato di difficoltà economica che sta colpendo il Paese. La discussione preventiva della bozza di Bilancio di Previsione (benché i tempi per fare una programmazione si siano ormai ridotti) con le parti sociali, le associazioni di categoria, i sindacati e tutti coloro che rappresentano interessi legittimi, non è solo un’opportunità, ma è diventata una vera e propria necessità.

Il compito della politica e di chi rappresenta i cittadini ai massimi livelli Istituzionali – prosegue Delvecchio - deve essere quello di ascoltare, recepire ed offrire risposte possibili, salvaguardando le prerogative di tutti, anche le proprie. Vero è, che l’Amministrazione non deve farsi dettare l’agenda sui provvedimenti da adottare, ma altrettanto vero è che - mai come in questa stagione - gli organi Istituzionali a tutti i livelli hanno assoluto bisogno di innescare un dialogo virtuoso con tutti coloro che, per vocazione, funzione e rispettive responsabilità, evidentemente sono più vicini alla percezione dei bisogni dei cittadini.
L’Amministrazione – continua Enzo Delvecchio - istituisca un tavolo permanente, coinvolga le parti sociali e apra una discussione non solo volta a programmare al meglio gli ultimi quattro mesi dell’anno, ma soprattutto il Bilancio di Previsione del prossimo anno, che ogni Comune che si rispetti dovrebbe approvare entro il 31 dicembre dell’anno in corso. Così facendo, si potrebbe monitorare il bisogno, individuare le criticità e intervenire tempestivamente sulla risoluzione dei problemi che si presentano quotidianamente.
Qualche giorno fa’ – continua il Presidente Delvecchio - la Conferenza Stato-Città ha accolto la richiesta dell’Anci, concedendo ai Comuni la quarta proroga all’approvazione dei Bilanci preventivi. Il nuovo termine di scadenza (ancora non ufficializzato) è stato fissato per il 31 ottobre. Se così è, ci sarà ancora un po’ di tempo per discutere; ma la politica, l’Amministrazione Comunale e tutti coloro che saranno coinvolti, non temporeggino oltre il necessario, in maniera tale da consentirci di calendarizzare e approvare al più presto il provvedimento in Consiglio Comunale.



In attesa del Bilancio di Previsione 2012.

30 07 2012

Martedì 31 luglio, tornerà a riunirsi la Conferenza dei Capigruppo per la programmazione dell’ordine del giorno delle prossime sedute consiliari. Entro il 31 agosto, bisognerà approvare il Bilancio di Previsione 2012, il cui provvedimento - prima di essere calendarizzato - dovrà essere approvato dalla Giunta Comunale.



Consiglio Comunale 25 e 26 luglio 2012.

24 07 2012

Convocato presso la Sala Consiliare (1° piano teatro “Curci”) il Consiglio Comunale per mercoledì 25 luglio 2012 (ore 16), in seduta di prima convocazione.
Eventuale seconda convocazione l’indomani, al medesimo orario.

ORDINE DEL GIORNO

  1. Interrogazioni ed interpellanze.
  2. Programma coordinato per l’attuazione del Piano Nazionale di Edilizia Abitativa di cui al DPCM 9.11.2011. Approvazione progetto definitivo rimodulato, giusto parere della Regione Puglia, Assessorato alla Qualità del Territorio – Area Politiche per la Mobilità e Qualità Urbana – Servizio Politiche Abitative (24 alloggi)
  3. Modifica ed integrazione Regolamento per la disciplina dell’occupazione temporanea di suolo pubblico per spazi di ristoro all’aperto annessi a locali di pubblico esercizio di somministrazione (dehors).
  4. Approvazione rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2011.
  5. Riconoscimento debito fuori bilancio per tasse di concessioni governative dovute all’Agenzia delle Entrate.
  6. V.I.A. relativa all’istanza di prospezioni per la ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi in mare denominata “d 2 F.P. - PG”. Ditta proponente: Petroleum Geo Services Asia Pacific Pte Ltd. Parere

N. B. - I lavori saranno trasmessi in diretta dall’emittente televisiva Tele Radio Studio 5 Regione Puglia, aggiudicataria del servizio, sul canale 92 del digitale terrestre.



Consiglio Comunale deserto.

5 07 2012

“Sono rammaricato per quanto è accaduto. Non è stato offerto un bello spettacolo alla città e non deve mai venir meno il rispetto per il Consiglio Comunale. Mi augro che vengano fornite spiegazioni chiarificatrici”. Enzo Delvecchio (Gazzetta del Mezzogiorno - 5 luglio 2012).

pdf.JPG Gazzetta del Mezzogiorno: seduta estiva per il Consiglio;

pdf.JPG PrimaPagina: il Consiglio è saltato ancora. La politica è già in vacanza?



Happy Birthday USA.

4 07 2012

4th-of-july-graphics-happy-birthday-usa.jpg



Convocato il Consiglio Comunale.

2 07 2012

 634747423558898732_1_homeimage_629x300.jpg

Domani, a partire dalle ore 9.00, torna a riunirsi il Consiglio Comunale. Di seguito l’ordine del giorno:

1) Surroga del Consigliere Comunale dimissionario, Antonio Carpagnano (art. 38, comma 8 ed art. 45, comma 1 D.lgs. 267/2000);

2) Interrogazioni ed interpellanze;

3) Modifica ed integrazione Regolamento per la disciplina dell’occupazione temporanea di suolo pubblico per spazi di ristoro all’aperto annessi a locali di pubblico esercizio di somministrazione (Dehors);

4) Riconoscimento debito fuori bilancio per tasse di concessioni governative dovute all’Agenzia delle Entrate;

5) Approvazione Rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2011.

I lavori saranno trasmessi in diretta dall’emittente televisiva Tele Radio Studio 5 Regione Puglia, aggiudicataria del servizio, sul canale 92 del digitale terrestre.



Risposta al Consigliere Basile.

20 06 2012

Leggo una nota (qui) del Consigliere Basile - diramata a mezzo stampa - attraverso la quale si evidenzia “il diniego da parte di alcune figure politiche” – tra cui la mia - a rispondere a quanto richiesto in altra nota di alcuni giorni fa’, diramata sempre a mezzo stampa.
Nel merito delle questioni poste dal Consigliere Basile – peraltro condivisibili nella misura in cui le risposte  investono la responsabilità dei singoli (almeno per quanto riguarda i Consiglieri Comunali) – si evidenzia che presso questo ufficio di Presidenza non è pervenuta nessuna richiesta formale, né un’interrogazione, né un’interpellanza, né qualsiasi altra nota a seguito della quale il richiedente non avrebbe ricevuto risposta.
Quando ciò si verificherà, ovvero quando il Consigliere Basile eserciterà le sue prerogative, il sottoscritto avrà il piacere e si sentirà in dovere  - come sempre - di rispondere per quanto di sua competenza. 
Tuttavia, ricordo al Consigliere Basile, il quale mi invita “a prendere una netta posizione attraverso la quale dimostrerei alla cittadinanza di svolgere il mio ruolo”, che essendo il tema della trasparenza a me caro da sempre, questa Presidenza ha inteso occuparsi di questo argomento  sin dal suo insediamento. Sia perché per trasparenza si intende rendere pubblici i costi della politica e della macchina amministrativa, sia perché per trasparenza si intende rendere pubblico e accessibile a tutti il lavoro svolto dalla politica e dagli amministratori pubblici. Anche o per il solo obiettivo di generare un confronto, un giudizio, un diritto di critica.
Nel frattempo, è bene rammentare che nella sezione “trasparenza, valutazione e merito” della rete civica comunale, sembrerebbero rispettati gli obblighi prescritti dal comma 1 dell’art. 21 della Legge 69/2009. Ma a questo è giusto che risponda il primo cittadino.
Per tutto il resto, io personalmente, sono pronto a fornire ogni risposta rinveniente sia dall’esercizio delle mie funzioni, sia dalla mia propensione a trattare la materia. Prova ne sia la volontà, già pubblicamente espressa, di intervenire attraverso alcuni provvedimenti:
·l’approvazione di un Codice Etico;
·il dotarsi di un regolamento che disciplini “l’Anagrafe degli Eletti”;
·la creazione di un sito web attraverso il quale si possa rendere pubblica tutta l’attività (e di conseguenza la produttività) di ogni singolo Consigliere Comunale;
·il razionalizzare al meglio la calendarizzazione delle sedute consiliari (visto che abbiamo verificato che ogni seduta ci costa oltre 1.000 euro);
·il tentar di calendarizzare le sedute di Consiglio Comunale anche di sabato (come da me proposto in Conferenza dei Capigruppo), per evitare il rimborso ai datori di lavoro;
·la richiesta (già effettuata) ai Presidenti di Commissione di inoltrare alla Presidenza del Consiglio Comunale una relazione dettagliata sull’attività svolta e sull’oggetto delle sedute a calendarizzarsi;
·l’aver condiviso e determinato la non corresponsione dei gettoni di presenza per le sedute consiliari - Commissioni o Consiglio - che andranno deserte (in ossequio al parere del Ministero dell’Interno – Dipartimento Affari Interni e Territoriali);
Tutti provvedimenti (già discussi nelle sedi competenti) tesi a rendere più trasparente la macchina politico-amministrativa.



Tra non molto, sul web.

20 06 2012

Per contribuire a rendere più trasparente l’attività del Consiglio Comunale e di tutti i singoli Consiglieri.

cc.JPG